Mercoledì delle Ceneri

Stampa
PDF
Mercoledì delle Ceneri



Così dice il Signore: Ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti.  Laceratevi il cuore e non le vesti,  ritornate al Signore, vostro Dio,  perché egli è misericordioso e pietoso,  lento all'ira, di grande amore,  pronto a ravvedersi riguardo al male. Chi sa che non cambi e si ravveda e lasci dietro a sé una benedizione?
 

Offerta e libazione per il Signore, vostro Dio.

Suonate il corno in Sion,
proclamate un solenne digiuno,
convocate una riunione sacra.

Radunate il popolo,
indite un'assemblea solenne,
chiamate i vecchi,
riunite i fanciulli, i bambini lattanti;
esca lo sposo dalla sua camera
e la sposa dal suo talamo.

Tra il vestibolo e l'altare piangano
i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano:
«Perdona, Signore, al tuo popolo
e non esporre la tua eredità al ludibrio
e alla derisione delle genti».
Perché si dovrebbe dire fra i popoli:
«Dov'è il loro Dio?».

Il Signore si mostra geloso per la sua terra
e si muove a compassione del suo popolo.
      (Gl 2,12-18)

Commenti  
  •  
  •  
  • Rispondi con citazione
  • Citazione

#1 edgardo ranghino » 01.03.2017 16:16

San Giovanni Paolo II scriveva in un suo libro che il Salmo 51 era il salmo dell'Antico Testamento e che la Coroncina alla Divina Misericordia era il salmo del Nuovo Testamento. Questo giorno deve farci ricordare la nostra vera identita' umana e ricordarci cio' che ahime' si dimentica....

edgardo ranghino