4 agosto: santo Curato d'Ars

Stampa
PDF
4 agosto: santo curato d'Ars


Il santo Padre Francesco continua ad invitarci a far uso della Misericordia. In questo video vi offriamo la bellissima Lettera che Benedetto XVI scrisse nell'indire l'Anno Sacerdotale portando, quale esempio e testimonianza, il Santo Curato d'Ars. Egli era ansioso di spingere le anime verso la Misericordia di Dio, piangeva per la loro salvezza e non lasciava nulla di intentato per riportarle in pace con Dio.  
La Lettera era per i Sacerdoti, per riscoprire il valore della Misericordia, ma non farà male, anche a noi laici, rileggerla per capire anche quali sono i nostri compiti, le nostre responsabilità.

 

Aforismi di san Giovanni Maria

 

Figli miei, noi ci rendiamo conto di quanto potere possa avere un'anima pura sul buon Dio: ella ottiene da Lui tutto ciò che vuole.

L'umiltà disarma la giustizia di Dio.

I santi conoscevano se stessi meglio di quanto conoscessero gli altri: ecco perché erano umili.

Si può essere santi da fare miracoli ma, se non si ha la carità, non si andrà in paradiso.

Un'anima pura è con Dio come un bambino con la mamma: la accarezza, la bacia e sua madre gli restituisce le carezze e gli abbracci.

Cent'anni senza prete e la gente finirà per adorare gli animali.

Davanti ad una preghiera ben fatta i dispiaceri si sciolgono come neve al sole.

La terra e quanto contiene non possono appagare un’anima immortale più di quanto un pizzico di farina, in bocca ad un affamato, possa saziarlo.

Venite alla comunione, venite a Gesù, venite a vivere di Lui, al fine di vivere per Lui.

Quando Nostro Signore viene ad abitare in un'anima, è contento e riempie l'anima di gioia e di felicità, e le comunica quell'amore generoso di fare tutto e di soffrire tutto per piacergli.

Non dite che non ne siete degni. E' vero: non ne siete degni, ma ne avete bisogno.

Se Nostro Signore avesse avuto in mente il nostro esser degni, non avrebbe mai istituito il suo sacramento d'amore, perché nessuno al mondo ne è degno, ma Egli pensava ai nostri bisogni e ne abbiamo tutti bisogno.

Non dite che avete troppe miserie... Preferirei piuttosto sentirvi dire che siete troppo ammalati e che, perciò, non volete il rimedio... La grande disgrazia è che si trascura di ricorrere a questo divino cibo per attraversare il deserto della vita. Al pari di una persona che muore di fame accanto ad una tavola ben servita

Il diavolo lascia tranquilli i cattivi cristiani: non sono un problema...


Atto di amore

Ti amo, mio Dio, e il mio desiderio
é di amarti fino all'ultimo respiro della mia vita.
Ti amo, o Dio infinitamente amabile,
e preferisco morire amandoti,
piuttosto che vivere un solo istante senza amarti.

Ti amo, Signore, e l'unica grazia che ti chiedo
è di amarti eternamente.
Ti amo, mio Dio, e desidero il cielo,
soltanto per avere la felicità di amarti perfettamente.
Mio Dio, se la mia lingua non può dire ad ogni istante: ti amo,
voglio che il mio cuore te lo ripeta ogni volta che respiro.

Ti amo, mio divino Salvatore, perché sei stato crocifisso per me,
e mi tieni quaggiù crocifisso con te.
Mio Dio, fammi la grazia di morire amandoti
e sapendo che ti amo.

 

Aggiungi commento