Il suffragio e i "corsi gregoriani"

Stampa
PDF
Commemorazione fedeli defunti


L’opera più efficace per il suffragio dei cari Defunti è la Santa Messa accompagnata poi, dalle opere di carità, che sono gesti concreti, e ricevere l'Eucaristia in uno stato di grazia, cioè, dopo essersi pentiti dei propri peccati e ben confessati.

Il perchè è presto detto: "Dio ha mandato nel mondo il suo unico Figlio, perché noi abbiamo la vita per mezzo di lui". Per alleviare le pene delle Anime sante del Purgatorio, è sufficiente quindi che noi facciamo alcune opere che a noi costano poco, ma a loro apportano un vantaggio immenso. La Messa apporta grande refrigerio a quelle povere anime. Si legge che San Gregorio con una sola Messa liberò una volta tutte le Anime del Purgatorio. Ed è certo che ad ogni Messa un gran numero di quelle anime se ne salgono al cielo, diventando nostri intercessori.


Un secondo mezzo per suffragare le Anime del Purgatorio è la recita del santo Rosario.
Quando noi recitiamo la corona di Maria Santissima per qualche anima, quell'anima sente quasi smorzare le ardenti fiamme che la circondano, e prova invece un refrigerio di Paradiso. Spesso, quando si dice il Rosario durante la veglia ad un moribondo, è stato raccontato da molti Santi che molte Anime - non macchiate di gravi peccati - attraverso il Rosario ricevevano persino una immediata santificazione in punto di morte. Affrettiamoci, dunque, a suffragare queste anime, specialmente le più abbandonate, dimenticate. Affrettiamoci, poiché quell'anima abbandonata potrebbe essere l'anima anche di qualche nostro caro defunto dimenticato (così insegnava sant'Annibale M. di Francia).
 
Le Anime del Purgatorio non possono pregare per se stesse.  Ma possiamo farlo noi in loro favore.
Commemorazione fedeli defuntiSe a loro non è permesso aiutarsi, a noi è imposto di soccorrerle. È un dovere, è un obbligo di carità. Le Anime del Purgatorio sono nostro prossimo non meno di quanto erano in questa terra; e come nostro prossimo dobbiamo interessarci del loro stato e sollevarle. Cresce poi quest'obbligo quando si riflette sulla facilità con cui possiamo giovare alle Anime del Purgatorio.

Dunque, è la Santa Messa il suffragio più diretto e immediato.

Il perchè è comprensibile: Gesù vivo e vero viene donato al Padre nel Suo immenso Sacrificio, per la loro e nostra salvezza. Ogni Anima alla quale suffraghiamo per mezzo dell'Eucaristia non solo è un Anima che si beatifica, ma della cui beatificazione noi usufruiamo delle immense grazie.
 
Tutta la catechesi  della Chiesa è piena di fatti, racconti e storie che ci danno prova di questa realtà.
Gesù Cristo ha detto: «Con la misura con la quale misurate gli altri, sarete misurati anche voi» (Mt 7, 2).
Se oggi noi chiudiamo il cuore alla pietà, se oggi lasciamo in abbandono tante anime che aspettano i nostri suffragi, Dio, che è giusto, permetterà che anche noi siamo dimenticati. Provvediamo, dunque, ai nostri spirituali interessi. Il tempo passa rapidamente, la morte si avvicina. Ricordiamoci dei nostri antenati, dei nostri parenti; solleviamoli con preghiere, Messe, elemosine e opere buone.
 
Oltre alla Messa Ordinaria che possiamo (e dobbiamo) offrire in Suffragio delle Anime dei Defunti, c'è una pratica poco conosciuta, sempre appoggiata dalla Chiesa che vogliamo condividervi e proporvi.


 

  Il "corso gregoriano" o le sante Messe Gregoriane


   
Tutti ne hanno sentito parlare, pochi sanno cosa siano e a chi rivolgersi per farle celebrare. Beh, per prima cosa precisiamo che si tratta della celebrazione di una santa messa a cadenza giornaliera ininterrotta per trenta giorni a suffragio di un defunto.

La pia pratica è nata così:

un monaco del Convento di San Gregorio Magno aveva accettato, senza il consenso del superiore, tre scudi d'oro da un suo beneficato: mancanza gravissima contro il voto di povertà, professato dai monaci, per la quale era incorso nella pena di scomunica.
Essendo il monaco deceduto poco tempo dopo, San Gregorio, per dare una lezione esemplare a tutta la Comunità monastica, non solo continuò a lasciarlo nella scomunica, ma lo fece seppellire fuori del cimitero comune, gettando nella sua fossa i tre scudi d'oro. Qualche tempo dopo, preso da compassione, il Santo chiamò l'economo del monastero e gli disse: «Il nostro confratello è tormentato dalle pene del Purgatorio: incomincia subito per lui la celebrazione di trenta sante Messe, senza interromperla».
Il monaco ubbidì; ma, per le troppe occupazioni, non pensò a contare i giorni. Una notte, gli apparve il monaco defunto e gli disse che se ne andava al Cielo, libero dalle sue pene. Si contò allora il numero delle sante Messe celebrate in suo suffragio e si trovò che erano precisamente trenta.  D'allora invalse l'uso di far celebrare trenta Sante Messe per i Defunti, dette appunto Gregoriane dal nome di San Gregorio Magno: uso che è tuttora in vigore nei monasteri benedettini e trappisti e che Dio con molte rivelazioni ha fatto conoscere essergli molto gradito (Dialoghi, IV, 10).

Si può qui rispondere ad una critica facile a sentirsi: «Vedi, si dice, basta avere del denaro e te la cavi anche nell'altra vita. Certa gente fa di qua ciò che vuole e poi, con la celebrazione di Messe, si compra anche il Paradiso».

Sentite cosa risponde un'Anima del Purgatorio: «Delle preghiere della terra, in Purgatorio si riceve solo quel tanto che Dio vuole che ciascun'anima riceva secondo le disposizioni meritate. E' un nuovo dolore aggiunto agli altri per queste povere Anime: il vedere cioè che le preghiere che si fanno per la loro liberazione, vengono applicate a chi ne è più degno. Il sollievo di ciascun'anima dalle pene è proporzionato al suo merito. Le une ricevono di più, le altre di meno, ma la giustizia stessa del Signore provvede che proprio attraverso la Messa in Suffragio per le Anime del Purgatorio, i suoi benefici possano raggiungere anche le Anime più dimenticate. Ma è sempre bene sfruttare il dono delle 30 Messe nominative le quali, contro quei 30 denari del tradimento, il Signore volle compiacersi di dare conforto e beatitudine alle Anime prigioniere: il Sacrificio perfetto dell'Amore contro la corruzione e l'avidità» (Manoscritto del Purgatorio).

 

Per chiedere informazioni
o la celebrazione di un "Corso Gregoriano"
in suffragio per l'anima di un defunto,
potete inviare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Aggiungi commento